Liceo Scientifico "Cosimo De Giorgi"

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home La storia

La storia

E-mail Stampa PDF

Busto Cosimo De GiorgiUn po' di storia del "De Giorgi". Il Regio Liceo Scientifico di Lecce, intitolato a Cosimo De Giorgi l'anno dopo la sua nascita, fu uno dei primi licei scientifici nati dopo l'istituzione di questo tipo di scuola con la riforma Gentile (R. D. 6 maggio 1923, n. 1054 art. 60). Il successivo R.D. 9 settembre 1923 n. 1915 (pubblicato sulla G.U. del 21 settembre 1923, n. 222) provvedeva alla effettiva istituzione di 37 licei scientifici, distribuiti in tutto il territorio nazionale, in base alle richieste pervenute dalle Amministrazioni provinciali di Arezzo, Avellino, Benevento, Bologna, Brescia, Cagliari, Caltanissetta, Caserta, Catania, Chieti, Como, Ferrara, Firenze, Forlì, Genova, Lecce, Livorno, Macerata, Milano, Mantova, Modena, Napoli, Padova, Palermo, Parma, Pavia, Perugia, Pisa, Roma, Rovigo, Sassari, Siracusa, Torino, Trapani, Udine, Venezia e Verona.Come si può vedere il Liceo scientifico "De Giorgi" era l'unica scuola del genere in tutta la Puglia, e tale restò per diversi anni, durante i quali ebbe tra i suoi allievi diversi elementi provenienti anche dalla Puglia del nord e dalla Campania.

Trascriviamo un brano di don Vincenzo Nuzzone, docente fin dalle origini per 34 anni, tratto dai Quaderni del 1963 del nostro Istituto: "Erano una cinquantina i primi allievi, giovanottoni e signorine che, a guardarli dalla cattedra incutevano soggezione specialmente ai docenti più giovani, come era allora chi traccia queste note. E di docenti c'era un gruppo eccellente, nomi illustri e collaudati, professori di vecchio stampo che assommavano rigore di preparazione e cultura vastissima, severità, disciplina e facilità metodologica. Il tutto fuso in perfetto equilibrio dalla passione per la scuola e per i giovani che rendevano il Liceo una vera famiglia. Il De Giorgi fu allogato nei locali della vecchia Scuola d'Arti e Mestieri che aveva ospitato recentemente la Scuola Artistica Industriale, voluta da Giuseppe Pellegrino e per opera sua dotata di un moderno edificio. I locali erano costituiti dal solo pianterreno, con aule vaste dove avevano vissuto le officine dei fabbri o i laboratori dei falegnami, con finestre munite di inferriate che le rassomigliavano a celle carcerarie. I muri grondavano umidità, i tetti a tegole erano smantellati sino a rendere necessario l'ombrello per ripararsi dalla pioggia filtrante da ogni fessura; i pavimenti di assi logorate e sbocconcellate dalla quali non di rado facevano capolino i topi curiosi che suscitavano il terrore gentile delle ragazze e l'allegria dei giovani che, con l'andar del tempo, riuscivano a familiarizzare con le bestiole a cui porgevano briciole di pane o pezzettini di formaggio sottratti alla colazione mattutina. Non esisteva neppure il corridoio, costruito qualche anno più tardi, sicché per passare da un'aula all'altra occorreva percorrere una specie di cortile sotto l'acqua o il freddo o il sole, tuffandosi nella polvere o nel fango a seconda della stagione." L'immobile descritto esiste ancora, ed ospita attualmente la sede di una succursale dell'Istituto commerciale statale "F. Calasso".

La popolazione scolastica del "De Giorgi", nei primi anni, aumentò a ritmo sempre sostenuto, tanto che fu necessaria la costruzione di una nuova sede (l'attuale sede centrale) a metà degli anni '50, successivamente ampliata già a metà degli anni '60. Essendo impossibili ulteriori significativi ampliamenti del fabbricato (per mancanza di spazio) ed nell'ottica di offrire un più adeguato servizio al territorio mediante la diversificazione delle sedi, fu aperta dapprima la sede staccata di Tricase e successivamente quelle di Copertino, Nardò e Galatina, oltre ad alcune sedi succursali nella città di Lecce. L'incremento, sempre notevole, delle iscrizioni portò anche alla istituzione a Lecce (dall'a.s. 1972/73) di un nuovo Liceo scientifico autonomo (intitolato a G. Banzi Bazzoli) e all'autonomia dapprima della sede staccata di Tricase (1.10.1968) e poi di quelle di Copertino, Nardò e Galatina (1.10.1974). Nel 1974 si rese necessaria una sede succursale in Lecce, che fino all'a.s. 1990/91 venne ospitata in un importante immobile di proprietà della Provincia, il convento dei Teresiani (poi trasformato in Caserma) sito in via Libertini, nel cuore del centro storico, non particolarmente idoneo ad ospitare una scuola. Dall'a.S. 1986/87 venne aperta l'altra succursale di via delle Anime; dal 1991/92 le classi di via Libertini si trasferirono nella nuova succursale di via Massaglia, mentre la succursale di viale della Libertà funziona dall'a.s. 2001/2002. Dal 2009/10 le due succursali di via delle Anime e di via del Mare sono state accorpate in un'unica sede in via Bonifacio a Lecce.

Dall'ottobre 2012 il Liceo ha riunito nella sede di via Pozzuolo le due succursali ospitando ben 31 classi, divenendo coì un unico polo didattico che ospita per l'anno in corso ben 28 classi oltre a 1 laboratorio di informatica, 1 laboratorio linguistico-multimediale di ultima generazione, 1 laboratorio scientifico polivalente e e 1 laboratorio di scienze. Anche per la pratica delle scienze motorie sono disponibili due campetti esterni e una palestra per l'attività ginnica in piano. In seguito all'abbandono di della sede di via Massaglia sono previsti ulteriori lavori che permettano un utilizzo della sede in modo ottimale.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Gennaio 2015 18:15  

ACCESSO AI SERVIZI

Erasmus +

Partenariato

Supporto Help

Banner

Ambito Scientifico

CONCORSI E ATTIVITA'

Wrapper1

" width="100%" height="200" scrolling="yes" align="top" frameborder="0" class="wrapper"> Nessun iframe

Fotogallery


Segreteria Digitale

ALBO ON LINE

Banner
Banner

Blog

Login

Biblioteca

Banner

TEST CENTER AICA

Banner

TFA

Exam Preparation Centre

Mobilità sostenibile

Multimedia

Chi è online

 86 visitatori online

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie.Scorrendo questa pagina, cliccando su "I Agree" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information